Cerca una località Cerca una parola chiave
 

Home Page Marostica - Partita a scacchi con personaggi viventi

Cerca hotel

Data check-in

calendar

Data check-out

calendar

Mete e itinerari di turismo in Italia

Marostica

Partita a scacchi con personaggi viventi

La manifestazione - fondata da Mirko Vucetich - rievoca un episodio semistorico che si fa risalire al 1454: due nobiluomini, Rinaldo da Angarano e Vieri di Vallonara, desiderando in sposa la stessa donna, Lionora, volevano risolvere con un duello la loro rivalità: il padre della dama, Taddeo Parisio, governatore di Marostica e umanista, vietò il combattimento cruento, invitando invece i contendenti a confrotarsi con una partita al "nobil giuoco" degli scacchi: tutti ne sarebbbero soddisfatti, perchè il vincitore avrebbe avuto la mano di Lionora mentre il perdente avrebbe sposato Oldrada sua sorella minore. L'antica vicenda si è trasformata in uno degli appuntamenti più celebri e spettacolari del folclore italiano: davanti al castello, nella piazza principale della cittadina è stata disegnata - con lastre di marmo bianco e rosso - una grande scacchiera, sulla quale si muovono personaggi viventi in rappresentanza dei pezzi del gioco. La partita a scacchi si tiene il secondo sabato e la seconda domenica di settembre negli anni pari, con personaggi reali in costume, e con un'accuratissima scenografia. Nella piazza arriva al galoppo un cavaliere su un nero cavallo, si ferma davanti al castello e lancia il guanto di sfida del duello. Si apre un pesante portone, e ne esce la corte al completo. Giunge anche il corteo storico delle autorità. Poi arrivano le due squadre di scacchi viventi, vestite di bianco e nero: re e regine con i rispettivi paggi, le torri (vere torrette mosse da armigeri), i cavalli(viventi anche questi, con i loro cavalieri), gli alfieri con gli stendardi, i pedoni (semplici fanti). Giungono infine i due contendenti : seduti a un tavolo giocheranno la partita su una normale scacchiera, ma le mosse verranno ordinate (nell'antica lingua veneta) ai pezzi viventi. Poi lo scacco matto!Nell'esaltazione generale la bella Lionora viene condatta al promosso sposo, e mentre la coppia si mostra al popolo il castello si infiamma di gioiosi fuochi d'artificio.
Mappa
  • Arte e Storia

  • Cultura e Tradizione

  • Natura e sport

  • Ospitalità

I nostri partner